CASA EDITRICE VALTROMPIA s.r.l.
sabato 11 luglio 2020 | 05:40
 Nr.34 del 18/12/2006
 
 Prima pagina
 Valtrompia
 Attualità
 Sport
 Inserzioni
 Edizioni precedenti
 Home page

DIRETTORE RESPONSABILE:
Silvia Filippi
e-mail: direzione

REDAZIONE:
e-mail: redazione
e-mail: ACV

SEGRETERIA:
e-mail: segreteria
e-mail: segreteria ACV

GRAFICA:
ACV - Agenzia giornalistica pubblicitaria
e-mail: grafica
e-mail: grafica ACV

STAMPA:
Stampa Tipolitografia Pagani
Via Divisione Aqui, 10/12
25065 Lumezzane SS(BS)
Tel. 0308920276
E-mail: tip-pagani


CELLOFANATURA E SPEDIZIONE POSTALE
Coop Service srl
Via Napoleonica 7
Virle Treponti - Rezzato (BS)





Sei gigli… satellitari
Sabato 9 dicembre, nella magnifica Adriatic Arena di Pesaro, una struttura capace di accogliere fino a 11.000 spettatori, si sono svolti i campionati italiani assoluti, sia individuali che a squadre, di ginnastica ritmica


   Davanti (da sx): Federica Mensi - Beatrice Vivaldi - Laura Zampedri. Dietro (da sx): Dalila Epis - Isabella Romano - Alessandra Farina.


Un’organizzazione pressoché perfetta, anche perché rappresentava un banco di prova per la candidatura ad ospitare in un prossimo futuro i Campionati del Mondo, ha permesso alle atlete di prepararsi nel migliore dei modi, potendo utilizzare una serie di palestre interne al palazzetto prima di entrare in pedana.
Anche la parte tecnica, coordinata dal mitico Walter Eusebi, era veramente “mondiale”, dove una consolle collegata a tre schermi, due rivolti verso il pubblico ed uno verso il salottino, trasmetteva i replay degli esercizi ed i punteggi in tempo reale.
Le squadre open presentavano un esercizio con 3 cerchi e 4 clavette, mentre per le giovanili l’esercizio prevedeva l’utilizzo di 10 clavette.
Tra le squadre giovanili partecipanti era presente, per il sesto anno consecutivo, la Ginnastica Il Giglio di Villa Carcina (Beatrice Vivaldi, Dalila Epis, Isabella Romano, Federica Mensi, Laura Zampedri, Alice Galesi e l’allenatrice Prof.ssa Alessandra Farina), arrivata a questa finale con la possibilità di essere protagonista.
In effetti la sua parte di visibilità l’ha avuta dato che parte dell’evento è stato trasmesso in diretta su Rai Sport Sat, ed il Giglio è stata una delle tre squadre che anche i tifosi triumplini rimasti a casa hanno potuto ammirare sia durante l’esercizio che nel dopo gara, quando, in un bellissimo salottino rosso fuoco, le nostre ginnaste hanno atteso il punteggio.
Ma ora parliamo della gara che vedeva presenti 24 finaliste, provenienti dalle qualificazioni regionali, rappresentative di grandi e medie città italiane, più un paese di 10.000 abitanti: Villa Carcina.
La squadra triumplina per l’occasione indossava una nuova divisa, un regalo natalizio anticipato, con uno sponsor “particolare” il sito internet di Beatrice (n.d.r.:www.beatricevivaldi.it dove prossimamente potrete trovare i video della manifestazione).
Il “sorteggio” non ha certo favorito le nostre atlete che hanno dovuto scendere in pedana per prime; in queste gare è la posizione più pericolosa, perché la giuria deve “tarare” il suo giudizio ed ogni errore viene pagato caro.Unica nota positiva la possibilità di essere viste in diretta sul piccolo schermo.
Per questo motivo l’allenatrice Alessandra Farina aveva raccomandato alla ginnaste di cercare di evitare qualsiasi perdita di attrezzo.
Purtroppo la maestosità dell’Adriatic Arena, la presenza di tanto pubblico, la diretta TV e la non felice posizione di gara hanno tradito i nervi dell’esordiente Federica ma anche dell’esperta Dalila ed alla fine il Giglio si è visto assegnare un punteggio di 11,650 che lo collocava, a fine gara, al nono posto, primo dei non classificati per la finale a otto disputatasi la domenica mattina (mordetevi pure le dita, noi l’abbiamo già fatto).
È facile immaginare la delusione e l’amarezza delle nostre ginnaste che per soli 0,075 punti, la differenza dalla squadra del Pontevecchio di Bologna qualificata con 11,725, non hanno potuto disputare la finale.
In finale tutto avrebbe potuto cambiare, infatti le altre due squadre lombarde, Moderna Legnano e Virtus Gallarate, che avevano ottenuto il primo e secondo punteggio nelle qualificazioni, hanno dovuto accontentarsi rispettivamente del 5° e 4° posto nella finale mattutina, completando un piccolo “disastro” lombardo, dato che negli ultimi sei anni almeno una squadra lombarda è sempre stata presente sul podio (per due volte anche il Giglio, 3° ad Urbino 2002 e 2° a Bari 2004).
Il podio finale vedeva primeggiare la Ritmica Piemonte di Torino, davanti alla Sipes Aurora Fano ed al Centro Ginnastica Flaminio di Roma, mentre dal 6° all’8° posto si inserivano la Pontevecchio di Bologna, lo Studio 10 Armonia Chieti e la Ginnastica Fabriano.


Registrazione Tribunale di Brescia n° 55/2004 del 15/12/2004  -  Sito internet realizzato da InternetSol di Comassi Luca